Superare l’impasse sul Nomenclatore Tariffario

Attende ancora l’approvazione da parte della Conferenza Stato-Regioni lo schema di Decreto Ministeriale che aggiorna le tariffe per l’assistenza specialistica ambulatoriale e protesica, perfezionando il Decreto del Presidente del Consiglio del 2017 che aveva ridefinito e aggiornato i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) e sostituendo appunto i vecchi tariffari per la specialistica ambulatoriale e per quella protesica.

Di fronte a questa inaccettabile impasse, prende ora posizione la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), con le parole del proprio presidente Vincenzo Falabella, che dichiara: «Sono passati addirittura cinque anni dal Decreto del Presidente del Consiglio sui nuovi LEA, ma ancora oggi i cittadini e le cittadine con disabilità ne attendono la piena attuazione. Stiamo dunque continuando a perdere tempo prezioso per garantire la salute ed il diritto di cittadinanza per le persone con disabilità».

«Va per altro considerato – aggiunge Falabella – che nella bozza di Decreto Ministeriale da noi esaminata, permangono alcuni problemi non trascurabili. Uno per tutti quello riguardante i disturbi dello spettro autistico per i quali gli interventi previsto sono solo quelli in ambito di psicomotricità e di logopedia, dimenticando quanto previsto da Leggi e Linee Guida approvate già da molti anni. Nel ribadire quindi che per molte persone con disabilità l’accesso agevolato agli ausili e ai presidi diviene fondamentale e di garanzia per il loro diritto di cittadinanza, chiediamo alla Conferenza Stato-Regioni di affrontare rapidamente le varie criticità del Decreto e di approvarlo senza perdere più tempo, per garantire innanzitutto un’erogazione uniforme delle prestazioni su tutto il territorio nazionale».

«Sono ormai troppi anni – ribadisce il Presidente della FISH – che i cittadini e le cittadine del nostro Paese attendono di ottenere quelle prestazioni riconosciute essenziali, per garantire la salute, sia a livello individuale che collettivo. Ora dunque che il testo è arrivato alla Conferenza Stato-Regioni ci aspettiamo che tutto si definisca in tempi rapidi, perché è impensabile rallentare ulteriormente un provvedimento che deve invece diventare attuativo con estrema urgenza».

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Potrebbero interessarti anche:

Pari opportunitàSegnalazioni

Incitamento violenza ai danni delle donne con disabilità, gravità inaudita

Politiche sociali

Gli emendamenti della FISH al Milleproroghe

Politiche sociali

Sulla Legge di Bilancio si poteva fare di più

Politiche sociali

Gli emendamenti FISH alla Legge di Bilancio

Eventi ed iniziative

Vincenzo Falabella confermato presidente FISH

Eventi ed iniziative

Come trasformare le attuali sfide in opportunità di crescita

Eventi ed iniziative

Il 25 novembre di FISH contro la violenza sulle donne

Welfare 4.0

Un welfare comunitario d’inclusione, i seminari di Welfare 4.0

Politiche sociali

Proficuo incontro con il ministro per le Disabilità Alessandra Locatelli

Politiche socialiScuola

Per troppo tempo i bambini e le bambine con disabilità sono stati invisibili nelle statistiche

Politiche sociali

Pronti ad un confronto con il nuovo Governo per i diritti delle persone con disabilità

Politiche sociali

Un nuovo Governo per sfide antiche: si ascoltino le federazioni delle persone con disabilità

Politiche socialiVita autonoma

Il ddl delega non autosufficienza mette in secondo piano le persone con disabilità

Politiche sociali

La giunta nazionale della FISH sul taxi “vietato” alle persone con disabilità

Politiche sociali

La FISH si attende ora dalle nuove Istituzioni risposte urgenti e fatti concreti

Skip to content