Superare l’impasse sul Nomenclatore Tariffario

Attende ancora l’approvazione da parte della Conferenza Stato-Regioni lo schema di Decreto Ministeriale che aggiorna le tariffe per l’assistenza specialistica ambulatoriale e protesica, perfezionando il Decreto del Presidente del Consiglio del 2017 che aveva ridefinito e aggiornato i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) e sostituendo appunto i vecchi tariffari per la specialistica ambulatoriale e per quella protesica.

Di fronte a questa inaccettabile impasse, prende ora posizione la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), con le parole del proprio presidente Vincenzo Falabella, che dichiara: «Sono passati addirittura cinque anni dal Decreto del Presidente del Consiglio sui nuovi LEA, ma ancora oggi i cittadini e le cittadine con disabilità ne attendono la piena attuazione. Stiamo dunque continuando a perdere tempo prezioso per garantire la salute ed il diritto di cittadinanza per le persone con disabilità».

«Va per altro considerato – aggiunge Falabella – che nella bozza di Decreto Ministeriale da noi esaminata, permangono alcuni problemi non trascurabili. Uno per tutti quello riguardante i disturbi dello spettro autistico per i quali gli interventi previsto sono solo quelli in ambito di psicomotricità e di logopedia, dimenticando quanto previsto da Leggi e Linee Guida approvate già da molti anni. Nel ribadire quindi che per molte persone con disabilità l’accesso agevolato agli ausili e ai presidi diviene fondamentale e di garanzia per il loro diritto di cittadinanza, chiediamo alla Conferenza Stato-Regioni di affrontare rapidamente le varie criticità del Decreto e di approvarlo senza perdere più tempo, per garantire innanzitutto un’erogazione uniforme delle prestazioni su tutto il territorio nazionale».

«Sono ormai troppi anni – ribadisce il Presidente della FISH – che i cittadini e le cittadine del nostro Paese attendono di ottenere quelle prestazioni riconosciute essenziali, per garantire la salute, sia a livello individuale che collettivo. Ora dunque che il testo è arrivato alla Conferenza Stato-Regioni ci aspettiamo che tutto si definisca in tempi rapidi, perché è impensabile rallentare ulteriormente un provvedimento che deve invece diventare attuativo con estrema urgenza».

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Skip to content