Legge delega sulla Non Autosufficienza: Una proposta irricevibile. Intervenga il ministro Orlando

Qualche giorno fa la Commissione “Interventi sociali e politiche per la non autosufficienza”, istituita presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministero della Salute, ha presentato al ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Andrea Orlando, lo schema di Proposta di Legge Delega “Norme per la promozione della dignità delle persone anziane e per la presa in carico delle persone non autosufficienti”.

Sui contenuti della proposta, il centro studi giuridici della FISH, HandyLex.org ha curato un ampio approfondimento.

Ad una prima analisi dei 14 articoli che compongono il testo, tuttavia, che per ora è soltanto una bozza, le due maggiori Federazioni che si occupano di disabilità, la FISH e la FAND, considerano la proposta di testo come irricevibile. In primo luogo, perché essa appare tutta incentrata, prevalentemente, sulle persone anziane non autosufficienti, relegando così ad una visione marginale le persone con disabilità e le loro famiglie.

Infatti, nonostante la platea della stragrande maggioranza delle persone con disabilità sia composta da giovani e adulti anche non autosufficienti, la proposta di testo in questione, per come è stata concepita, sembra occuparsi di disabilità solo quando si parla di età anziana.

Per questo, dichiarano i presidenti delle due Federazioni, Vincenzo Falabella e Nazaro Pagano: «chiediamo un incontro immediato al ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Andrea Orlando, pronti a chiedere tutti i correttivi ritenuti necessari, perché allo stato attuale ci sembra una proposta più escludente che includente, come invece dovrebbero essere tutte le norme prodotte in questa fase nell’ambito di disabilità, a maggior ragione visto il percorso che ci attende da qui al prossimo anno per l’approvazione dei decreti attuativi alla Legge delega sulla disabilità».

E poi proseguono così: «da parte nostra rimane la massima disponibilità alla collaborazione istituzionale, pur non essendo stati consultati, né FISH e né FAND, nel corso dell’elaborazione di questa Proposta di Legge, impedendoci quindi di portare la voce di tutte le persone con disabilità e delle loro famiglie che fanno riferimento alle nostre Federazioni». E poi concludono così i presidenti di FISH e FAND: «un punto fermo, per noi, comunque, rimane. Ed è quello per cui consideriamo il testo attuale come irricevibile, anche perché, tra le criticità che abbiamo riscontrato, affronta il tema dei caregiver, una figura purtroppo non ancora riconosciuta in Italia, ma su cui giace in Senato un’altra Proposta di Legge, ancora non approvata».

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Potrebbero interessarti anche:

ApprofondimentiPolitiche

Che sia realmente garantito il diritto di voto alle persone con disabilità

EventiIniziativePolitiche

La FISH incontra le forze politiche, per chiedere impegni precisi

PoliticheSegnalazioni

Decreto Aiuti bis: nessun ristoro per il non profit contro il “caro energia”

ApprofondimentiPoliticheSegnalazioni

Collaborare tutti per un anno scolastico senza le solite criticità

PoliticheSegnalazioni

La FISH lancia l’allarme per il “caro energia”

IniziativePolitiche

Le politiche future per la disabilità. L’appello di FISH per la nuova legislatura

ApprofondimentiFocusSegnalazioni

Handylex: è on line il nuovo sito

Politiche

Dal rispetto del genere passa la battaglia per l’inclusione

Politiche

La FISH chiede al Presidente Draghi di andare avanti e alle forze politiche di essere responsabili

EventiWelfare 4.0

I sorrisi non bastano

Politiche

Scuola: così se il Governo non interviene l’inclusione scolastica rischia di peggiorare

ApprofondimentiFocus

Online il bilancio sociale della FISH

PoliticheSegnalazioni

I questionari dei pregiudizi

EventiPolitiche

Bene le parole del Garante Mauro Palma, FISH rinnova il proprio impegno

Segnalazioni

La ferma condanna di FISH per l’inqualificabile gesto ai danni di una nostra attivista

Skip to content