Che sia realmente garantito il diritto di voto alle persone con disabilità

«Le leggi nazionali e internazionali parlano chiaro: il diritto di voto delle persone con disabilità va garantito in modo libero e accessibile, con l’assistenza al seggio per coloro ai quali sia necessaria. Ci auguriamo quindi che tutte le persone con disabilità possano esercitare il 25 settembre il proprio diritto di voto, senza problemi né contestazioni di sorta, come è accaduto in occasione di precedenti consultazioni elettorali»: è questo il messaggio lanciato da Vincenzo Falabella Presidente della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) a due giorni dalle elezioni politiche nazionali.

«Purtroppo – aggiunge Falabella – anche questa volta abbiamo dovuto registrare che non sempre i materiali diffusi durante la campagna elettorale sono stati accessibili e di facile comprensione, come previsto dalle norme. E continua tuttora a mancare, nonostante i nostri ripetuti appelli, una disciplina chiara e puntuale che garantisca l’esercizio di voto supportato da parte delle persone con disabilità intellettive, ciò che potrebbe ancora una volta causare situazioni spiacevoli. Anche in questo caso, dunque, auspichiamo che prevalga l’intelligenza e il buon senso di coloro che saranno chiamati a presiedere i seggi».

«Ogni persona con disabilità – dichiara ancora il presidente della FISH Vincenzo Falabella – dovrà poter votare senza incontrare ostacoli. Da parte nostra, naturalmente, vigileremo come sempre, per segnalare ogni problema che eventualmente si potrà presentarsi».

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Potrebbero interessarti anche:

Skip to content