Appello al Governo su Reddito di Cittadinanza e invalidità

La FISH si appella al Governo per un urgente intervento normativo riguardo alla rimozione degli effetti dell’incremento cd “al milione” delle pensioni di invalidità sul reddito di cittadinanza.

Nel corso di questi ultimi mesi, ed in principal modo dal 27 gennaio 2022, si sono moltiplicate le segnalazioni arrivate alla scrivente Federazione da parte di molte famiglie con persone con disabilità all’interno del loro nucleo familiare che hanno notevoli problemi finanziari e che risultano avere diritto sia alla pensione di invalidità che al Reddito di Cittadinanza, a seguito all’avvenuta decurtazione da parte dell’INPS delle somme da esse percepite ed in altri, all’azzeramento totale, del Reddito di Cittadinanza.

La problematica è stata dettata dall’aumento delle pensioni di invalidità a seguito della Sentenza 152/20 della Corte Costituzionale che ha portato ad un aumento variabile dei suddetti emolumenti percepiti da invalidi civili totali, ciechi civili assoluti e sordi.

Tale incremento, allo stato, non avendo natura prettamente assistenziale, non solo concorre al calcolo ISEE ma soprattutto riverbera i suoi effetti sulla erogazione del reddito di cittadinanza nella misura in cui esso rileva ai fini della determinazione del reddito familiare.

Per effetto di ciò, moltissime famiglie al cui interno vi sono percettori della pensione di invalidità civile “maggiorata”, si sono visti decurtare o addirittura azzerare il reddito di cittadinanza in ragione per l’appunto dell’incidenza del c.d. “incremento al milione” sul reddito familiare complessivo. Risulta pertanto essenziale modificare i parametri per la concessione del reddito di cittadinanza alla luce dell’aumento delle pensioni di invalidità.

Tali assunti giuridici erano stati già oggetto di una proposta di emendamento che la FISH aveva proposto tramite il Decreto sostegni ter. Benchè tale emendamento sia stato respinto, la Federazione ora si appella, chiedendo il sostegno di tutte le cittadine ed i cittadini con disabilità e le loro famiglie affinchè i benefici incrementali della pensione di invalidità non vengano considerati ai fini del rispetto dei requisiti reddituali e patrimoniali necessari alla percezione del Reddito di Cittadinanza.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Potrebbero interessarti anche:

Pari opportunitàSegnalazioni

Incitamento violenza ai danni delle donne con disabilità, gravità inaudita

Politiche sociali

Gli emendamenti della FISH al Milleproroghe

Politiche sociali

Sulla Legge di Bilancio si poteva fare di più

Politiche sociali

Gli emendamenti FISH alla Legge di Bilancio

Eventi ed iniziative

Vincenzo Falabella confermato presidente FISH

Eventi ed iniziative

Come trasformare le attuali sfide in opportunità di crescita

Eventi ed iniziative

Il 25 novembre di FISH contro la violenza sulle donne

Welfare 4.0

Un welfare comunitario d’inclusione, i seminari di Welfare 4.0

Politiche sociali

Proficuo incontro con il ministro per le Disabilità Alessandra Locatelli

Politiche socialiScuola

Per troppo tempo i bambini e le bambine con disabilità sono stati invisibili nelle statistiche

Politiche sociali

Pronti ad un confronto con il nuovo Governo per i diritti delle persone con disabilità

Politiche sociali

Un nuovo Governo per sfide antiche: si ascoltino le federazioni delle persone con disabilità

Politiche socialiVita autonoma

Il ddl delega non autosufficienza mette in secondo piano le persone con disabilità

Politiche sociali

La giunta nazionale della FISH sul taxi “vietato” alle persone con disabilità

Politiche sociali

La FISH si attende ora dalle nuove Istituzioni risposte urgenti e fatti concreti

Skip to content