Disabile palpeggiata su un bus, autista accusato di violenza sessuale

10 Ottobre 2019

Violenza sessuale su una disabile. È la gravissima accusa per un 60enne, autista di un bus per il trasporto di disabili, che nel 2018 avrebbe palpeggiato una ventenne affetta da deficit cognitivi. Davanti al giudice per le indagini preliminari Fiammetta Modica, pubblico ministero Matteo Centini, si è concluso il 9 ottobre l’incidente probatorio relativo all’esame del cronotachigrafo del bus. Il perito del giudice doveva stabilire se dai dati emergesse o meno una sosta. La ragazza è assistita dall’avvocato Alida Liardo, mentre l’uomo è difeso dall’avvocato Gianni Montani. La presunta violenza sarebbe avvenuta durante una sosta del mezzo, un bus di una società privata, in un momento in cui non c’erano altri passeggeri. La ragazza si stava recando al lavoro, quando sarebbe stata oggetto delle attenzioni del 60enne che le avrebbe toccato il seno e altre parti. Attenzioni che la giovane ha confermato all’interno di un altro incidente probatorio, svolto in un’audizione protetta. La vicenda era emersa quando la ragazza aveva parlato di quello spiacevole episodio con i colleghi di lavoro e con il suo amministratore di sostegno. Era stata presentata una denuncia che aveva portato all’apertura dell’inchiesta che vede il 60enne indagato. Gli atti, adesso, torneranno al pm Centini che dovrà chiudere l’indagine.

Sorgente: Disabile palpeggiata su un bus, autista accusato di violenza sessuale

© Riproduzione riservata

Categoria: Abusi e Violenze
Tag: