Donne disabili subiscono più violenze ma rischiano di non essere credute

10 Marzo 2017

Passato l’8 marzo è giusto aggiungere a quanto tutti avranno già detto e scritto un particolare aspetto della condizione femminile, che forse non è tra i più divulgati e discussi. Le donne disabili sono vittime di violenze sessuali in percentuale elevatissima rispetto alla media della popolazione femminile. Ne parla un’inchiesta pubblicata solo ieri dalla rivista web Superabile. Gli ultimi dati Istat del 2014 ci dicono che quasi una donna su tre ha subito violenza fisica o sessuale almeno una volta nella vita, però la percentuale sale al 70% in presenza di qualche tipo di disabilità. Il 10% delle donne disabili italiane è stata vittima di stupro o tentato stupro, rispetto il 4,7% che ha subito lo stesso tipo di violenza nella media generale della popolazione femminile. Le strutture di accoglienza specializzate in donne disabili confermano che quando una donna ha una disabilità fisica, sensoriale o cognitiva è più esposta al rischio di subire violenza. Soprattutto rispetto ai deficit cognitivi, esiste un sommerso di violenza sessuale che avviene spesso in famiglia, nei luoghi pubblici, negli ambienti scolastici, nelle strutture dove queste persone sono ospitate per essere assistite o curate. Molto spesso queste donne non hanno nemmeno la capacità di riferire quello che ha loro viene fatto, o se lo raccontano non vengono credute.
di Gianluca Nicoletti

Sorgente: Donne disabili subiscono più violenze ma rischiano di non essere credute Più violenze sulle donne disabili, ma rischiano di non essere credute – La Stampa

© Riproduzione riservata

Categoria: Pubblicazioni
Tag: