Politiche

A rischio migliaia di posti di lavoro per i disabili

A rischio migliaia di posti di lavoro per i disabili

Si profilano sempre più drammatiche le opportunità di lavoro per le persone con disabilità. Con un fumoso articolo, la Legge 126/10 ha disposto che le aziende con più di 50 dipendenti siano prioritariamente obbligate all’assunzione di orfani e di superstiti delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata. Tale priorità, che colma gli obblighi di assunzione, andrà a scapito della riserva prevista dalla Legge 68/1999 a favore delle persone con disabilità.

Legge di Stabilità e politiche sociali: errata corrige

Legge di Stabilità e politiche sociali: errata corrige

All’indomani dell’approvazione della Legge di Stabilità, moltissimi organi di informazione hanno erroneamente riportato che il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali avrebbe goduto di un finanziamento aggiuntivo di 200 milioni di euro. Una notizia dalle gambe corte che è facilmente smentibile dalla lettura dei testi ufficiali approvati: la cifra finale che costituisce il Fondo per le Politiche Sociali è di 273,8 milioni per il 2011, 69 milioni per il 2012, 44 per il 2013. 435 milioni nel 2010, 273 milioni nel 2011: fanno 162 milioni. In meno.

Requiem per l’inclusione

Requiem per l’inclusione

Porta il beffardo nome di “Legge di stabilità 2011” il provvedimento del Governo all’esame della Camera in queste ore, che una volta approvato renderà definitivamente precarie le già critiche condizioni di vita di migliaia di persone con disabilità e delle loro famiglie. A seguito di questo provvedimento il Fondo Nazionale per le non autosufficienze verrà azzerato e drastiche riduzioni sono previste anche per il Fondo per le politiche sociali e per il Fondo nazionale per il diritto al lavoro dei disabili. Si ipotizzano inoltre significativi tagli dei fondi connessi allo strumento del 5 x mille.

Digitale terrestre: a rischio l’accessibilità

Digitale terrestre: a rischio l’accessibilità

FISH e FAND denunciano il rischio, per le persone con disabilità sensoriali, di rimanere tagliate fuori dalla programmazione su digitale terrestre del servizio pubblico. La RAI infatti potrebbe non essere nelle condizioni di garantire l’accessibilità dei nuovi canali. Le due federazioni delle persone con disabilità, qualora questa ipotesi venisse confermata, non escludono clamorose forme di protesta.

Comitato ONU: occasione mancata per l’Italia

Comitato ONU: occasione mancata per l’Italia

La FISH stigmatizza la scarsa incisività dimostrata dal nostro Governo, che non ha saputo esprimere una propria candidatura all’organismo deputato al monitoraggio della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità. A causa della poca attenzione prestata, il nuovo Comitato, eletto nel corso della Terza Conferenza degli Stati parte svoltasi a New York, non vede infatti al suo interno alcun esperto del movimento italiano.

Tariffe postali: perchè Tremonti non firma?

Tariffe postali: perchè Tremonti non firma?

A chiederselo è il Forum del III Settore, che ormai da mesi è impegnato in una mobilitazione mirata a contrastare i pesanti effetti del Decreto interministeriale del 30 marzo (G.U. n.75 31/03/2010) che abolisce le tariffe postali agevolate per l’editoria del terzo settore e dell’associazionismo. Al Governo viene inoltre richiesto di identificare in questo ambito norme certe, e non una tantum.

Falsi invalidi: controlli inefficaci

Falsi invalidi: controlli inefficaci

La Manovra ha stabilito una nuova offensiva contro il fenomeno dei “falsi invalidi”: 100mila controlli entro il 2010, 500mila entro il 2013. La macchina organizzativa dell’INPS si è messa in azione ancora prima della conversione del Decreto legge, ma le prospettive di una azione che effettivamente colpisca i falsi invalidi scemano di giorno in giorno. Il grosso dei controlli l’INPS lo effettuerà solo sulla documentazione inviata dai diretti interessati, riducendo al minimo le visite reali, quelle sulle persone, quelle che consentono un giudizio reale.

Manovra: ora i tagli sui bambini

Manovra: ora i tagli sui bambini

La Commissione Bilancio del Senato, dopo aver ritirato le disposizioni che avrebbero duramente colpito le persone con disabilità, ha approvato un emendamento che prevede l’aumento del numero massimo di bambini nelle classi frequentate da alunni con disabilità. Per FISH e FAND si tratta di un atto gravissimo, oltrechè “vacillante ed improvvisato” sotto il punto di vista del calcolo economico, e ne chiedono l’abrogazione, nell’interesse di tutti.

Regioni: Tremonti rivuole le deleghe che ha già

Regioni: Tremonti rivuole le deleghe che ha già

Altra gaffe del Ministro dell’Economia sulle invalidità civili. Tremonti, al termine dell’infruttuoso incontro con le Regioni, torna sulle questioni delle invalidità civili. A sua detta le Regioni dovrebbero restituire le deleghe sui controlli sulle invalidità. Il Ministro dimentica o ignora che le Regioni quella delega non ce l’hanno e che, anzi, lo Stato si è assunto praticamente tutte le competenze di verifica, controllo e contenzioso.

Dalla Commissione Bilancio un nuovo attacco alla disabilità

Dalla Commissione Bilancio un nuovo attacco alla disabilità

Largamente deludente e preoccupante rispetto alle rassicurazioni precedentemente espresse: è così che la FISH e la FAND giudicano l’emendamento alla Manovra correttiva relativo alle persone con disabilità, e presentato dal presidente della Commissione Bilancio del Senato, l’onorevole Antonio Azzollini. Le due Federazioni hanno di conseguenza deciso di inasprire la loro mobilitazione, promuovendo una Manifestazione unitaria che si svolgerà il 7 luglio, in piazza Montecitorio a Roma.

Pagina 15 di 16« Prima...1213141516