Le ragioni di una ricerca

Sappiamo poco o nulla delle condizioni di vita delle persone straniere con disabilità che vivono nel nostro Paese. Sappiamo che ci sono, che non sono poche, che le loro condizioni di vita possono essere a volte molto difficili, ma sostanzialmente non le conosciamo. Di conseguenza il movimento associativo che fa riferimento alla FISH, Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap, fatica a rappresentarne in modo adeguato le istanze, a tutelarne i diritti. Questa ricerca nasce da questa semplice constatazione e dalla volontà di iniziare a “ridurre le distanze”: ridurre le distanza tra le associazioni e queste persone, tra le associazioni del mondo della disabilità e le diverse organizzazioni che nel nostro Paese si occupano di stranieri e di migranti.

Il progetto “Migranti con disabilità - conoscere il fenomeno per tutelare i diritti” è stato realizzato grazie al supporto e al contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che lo ha cofinanziato con i fondi della Legge 383/2000 (annualità 2013). La FISH ha, quindi, avviato nell’estate del 2014, un’attività conoscitiva sul fenomeno degli stranieri e migranti con disabilità, raccogliendo e organizzando le informazioni e i dati disponibili, le esperienze e gli interventi in atto, iniziando a superare l’attuale situazione di poca conoscenza di un fenomeno sempre più significativo anche dal solo punto di vista quantitativo. Una scarsa conoscenza favorita dalla frammentazione degli interventi, siano essi promossi da soggetti pubblici o del privato sociale, da realtà afferenti al mondo della disabilità o della migrazione. Un’attività di studio necessaria per restituire ai diversi attori gli elementi generali di contesto e di orizzonte all’interno del quale pianificare, realizzare e verificare le proprie azioni.

Ultimo aggiornamento: 28 dicembre 2015

Torna su