Happy Hand in Tour – Edizione 2017-2018

Happy Hand in Tour - Giochi senza barriereParte a giugno la seconda edizione di Happy Hand in Tour, il ciclo di eventi che nella sua prima edizione, tra il 2015 e il 2016, grande successo ha ottenuto in tanti Centri Commerciali IGD di tutta Italia, trasmettendo una nuova cultura sulla disabilità, tramite lo sport e l’espressione creativo-artistica.

Le cifre della prima stagione parlano chiaro: in dodici mesi, sono state ben 154 le iniziative in 11 Regioni italiane, con il coinvolgimento di 500 volontari, 200 tra associazioni e gruppi sportivi, culturali e musicali e migliaia di persone ad incuriosirsi e ad appassionarsi. “Si è trattato di un successo popolare – dichiara il presidente della FISH Vincenzo Falabellache ha colto il messaggio culturale basato innanzitutto sul principio che la disabilità non è dipendenza, né malattia, ma un fatto strettamente connesso all’ambiente, alla cultura e ai pregiudizi. Un successo all’insegna della festa, delle performance musicali, artistiche e sportive, dell’incontro con il variegato popolo dei visitatori-fruitori dei Centri Commerciali.”

Happy Hand in Tour, dunque, parte per un nuovo giro d’Italia, con vecchi e nuovi partner, sempre nell’ambiente dei Centri Commerciali, scenario che consentirà ancora di avvicinare moltissime persone.

Questo sarà possibile innanzitutto grazie alla Società Immobiliare Grande Distribuzione (IGD), uno dei principali player in Italia nel settore immobiliare della grande distribuzione organizzata, con quotazione in borsa, che sviluppa e gestisce Centri Commerciali su tutto il territorio nazionale. Al suo fianco, poi, vi saranno sempre la FISH, Federazione che raggruppa decine di Associazioni di persone con disabilità e delle loro famiglie e il CIP (Comitato Italiano Paralimpico), e anche l’Associazione WTKG (Willy the King Group), fondata da William “Willy” Boselli, persona con tetraplegia, definibile come un “veterano” di questo tipo di eventi, che negli anni scorsi aveva dato vita a un’iniziativa splendida quale Happy Hand – Giochi senza barriere, vero e proprio festival dello sport e della solidarietà, cui tra l’altro si è ispirato direttamente nel nome stesso il progetto Happy Hand in Tour.

Ma anche nuovi partner, non certo trascurabili, quali il CSI (Centro Sportivo Italiano) e l’UISP (Unione Italiana Sport per Tutti), vale a dire le due Associazioni che maggiormente favoriscono la promozione dell’attività sportiva in Italia.

I vari eventi si protrarranno sino ai primi mesi del prossimo anno, con tante iniziative in programma in 24 Centri Commerciali del Lazio, dell’Emilia Romagna, della Toscana, della Lombardia, del Veneto, della Campania, della Sicilia, dell’Abruzzo e delle Marche.

 

Forlì – Emilia-Romagna, 10-11 giugno 2017

Happy Hand in Tour riparte sabato 10 e domenica 11 giugno da Forlì, presso il Centro Commerciale Punta di Ferro (Piazzale della Cooperazione, 2), con una serie di proposte aperte a tutti, all’insegna dello sport, del divertimento e della conoscenza di alcune belle realtà.

Basti pensare, ad esempio, alla vicenda di Lorenzo Major, rispetto al quale in molti si chiesero negli anni scorsi: “Come può un paraplegico arrampicarsi su una parete?”. Ebbene, può, eccome, se è vero che Lorenzo, quarantaseienne con paraplegia, è diventato campione del mondo di paraclimbing, ovvero di arrampicata sportiva, tramite la forza delle sole braccia.

Nella mattinata di sabato 10 (ore 11), Major racconterà a Forlì la propria storia ai presenti, anche tramite materiale video.

Altra disciplina che la farà da protagonista nel corso delle due giornate sarà quella del basket in carrozzina, che sia sabato 10 (ore 17) che domenica 11 (ore 12 e 17) prevede l’esibizione degli atleti del Wheelchair Basket Forlì, associato all’UISP, insieme ad altri paracestisti afferenti all’Unione Italiana Sport per Tutti.

Sempre dall’UISP di Forlì-Cesena, inoltre, arriveranno anche, sia sabato che domenica (ore 11 e 18), le proposte di alcuni laboratori motòri e dell’interessante iniziativa denominata Un chilometro in salute, progetto basato su gruppi di “camminatori veloci” o di “corridori lenti”, che punta a mettere a disposizione delle persone sedentarie l’attività fisica più adatta per la propria salute. A tale evento è prevista per il sabato mattina anche la partecipazione dell’ANFFAS locale (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale), con un gruppo di giovani con disabilità intellettiva e/o relazionale.

Il tutto in una cornice curata da Okay Animazione, Società che ormai da molti anni offre soluzioni di intrattenimento, organizzando eventi e animazione commerciale.

A rappresentare infine la FISH saranno Aristide Savelli della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) e Angelo Dall’Ara.


 

Guidonia – Lazio, 8-9 luglio 2017

Happy Hand in Tour torna a Guidonia sabato 8 e domenica 9 luglio, al Centro Commerciale Tiburtino (SS 5 – Via Tiburtina Km 20 – Uscita 13 GRA – Uscita Settecamini A24 Guidonia Montecelio – RM) di Guidonia Montecelio, per una due giorni all’insegna dello sport, dell’informazione, del divertimento e di alcune originali performance che coinvolgeranno tutti i presenti.

Per quanto riguarda lo sport, a farla da protagoniste, sia sabato 8 che domenica 9, saranno le proposte di corsa, basket e calcio dell’UISP e anche – “prima assoluta” per Happy Handy in Tour – il wheelchair rugby (rugby in carrozzina) dell’Associazione Sportiva Dilettantistica ARES Wheelchair Rugby di Roma, in programma per la mattinata di domenica 9.

In tutt’altro àmbito si muoverà invece l’Associazione Culturale Fuori Contesto di Roma, già protagonista nella prima stagione di Happy Hand in Tour, che a Guidonia sarà presente per l’intera giornata di sabato 8 e nel pomeriggio di domenica 9, con un vero e proprio Gioco delle differenze, fatto di performance, danza e narrazione.

Sono previsti infatti un Giro in carrozza, durante il quale tre attori/danzatori chiederanno a tutti di provare a fare un giro in carrozzina, per guardare la realtà da un altro punto di vista; un laboratorio dimostrativo di Danceability, genere di danza aperto a persone di qualsiasi età, con qualunque livello di esperienza e con diverse disabilità; il laboratorio di narrazione e disegno con audioracconto finale, intitolato Le parole dei ragazzi fanno cultura, che prevede appunto il racconto e la lettura di storie sul tema delle differenze.

Da ultimo, ma non ultimo, va ricordato che in entrambe le giornate verranno allestite alcune postazioni, con la distribuzione di materiale informativo e la proiezione di videofilmati, innanzitutto da parte della FISH Nazionale (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) e dell’AVI di Roma (Agenzia per la Vita Indipendente), che saranno autorevolmente rappresentate da Silvia Cutrera, vicepresidente della prima e presidente della seconda. Ma anche della FIADDA Nazionale e di quella romana (Famiglie Italiane Associate per la Difesa dei Diritti degli Audiolesi), altra importante realtà aderente alla FISH, e della Cooperativa Sociale Il Pungiglione di Monterotondo (Roma), che gestisce il Centro Socio Educativo Riabilitativo Diurno Intercomunale (CSERDI) Il Funambolo e che tra le proprie numerose attività, si occupa anche di sport praticato da persone con disabilità.


 

Per ulteriori informazioni: presidenza@fishonlus.it