Archivio di maggio 2012

Fornero: privatizzare la disabilità

Fornero: privatizzare la disabilità

“Non si può pensare che lo Stato sia in grado di fornire tutto in termini di trasferimenti e servizi’’. Lo ha dichiarato il Ministro del Lavoro Elsa Fornero. Parole che lasciano sconcertate le organizzazioni delle persone con disabilità, per la loro crudezza e per l’evocazione di una “cultura” che non si pensava potesse penetrare nel nostro Paese risalendo fino ai vertici di un Governo che si appella ad ogni piè sospinto all’equità. Rigettata anche l’ipotesi di garantire i servizi tramite polizze assicurative.

Cresce il welfare, cresce l’Italia scrive a Monti

Cresce il welfare, cresce l’Italia scrive a Monti

Rigore e crescita, obiettivi da perseguire insieme: all’indomani del G8 di Camp David, le 35 organizzazioni sociali che danno vita alla rete Cresce il welfare, cresce l’Italia scrivono al presidente del Consiglio Monti e chiedono una netta discontinuità nelle politiche sociali del Governo. La lettera verrà presentata e discussa a Firenze sabato 26 maggio nell’ambito di Terrafutura.

Scuola e inclusione: a che punto siamo? Convegno FISH a Milano

Scuola e inclusione: a che punto siamo? Convegno FISH a Milano

Sarà dedicato alla scuola il convegno organizzato per venerdì 25 maggio dalla FISH nell’ambito della manifestazione ReaTech Italia. Scuola e inclusione: a che punto siamo? Il diritto allo studio di tutti i bambini e ragazzi con disabilità, oltre la crisi è il titolo dell’appuntamento, aperto a tutti e gratuito, che rappresenta anche l’occasione per un confronto su ciò che accade nel nostro Paese e sulle prospettive future.

ISEE: Manifestazione sospesa, rimane la mobilitazione

ISEE: Manifestazione sospesa, rimane la mobilitazione

L’azione di protesta di FAND e FISH contro il nuovo ISEE ha prodotto un primo importante risultato in tempi insperati. La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha smentito parzialmente alcune voci inquietanti circolate sulla stampa. Riconoscendo l’attenzione riservata alle istanze avanzate, e in attesa di atti concreti, le Federazioni sospendono la Manifestazione nazionale indetta per il 23 maggio. Rimane lo stato di mobilitazione e di attenzione in particolare sui criteri di calcolo dell’ISEE.

Manifestazione delle persone con disabilità contro il nuovo ISEE

Manifestazione delle persone con disabilità contro il nuovo ISEE

FAND e FISH indicono una grande Manifestazione Nazionale a Roma il 23 maggio. Obiettivo della mobilitazione: contrastare quanto potrebbe accadere in materia di ISEE. In questi giorni, infatti, il Ministero del Lavoro e quello dell’Economia lavorano per modificare quello strumento ed i segnali sono tutt’altro che rassicuranti. Ma non è tutto: voci sempre più insistenti, e mai smentite, profilano un attacco anche sul fronte delle indennità di accompagnamento: potrebbero essere agganciate al reddito personale, cancellandone l’erogazione per centinaia di migliaia di persone.

È scontro sull’ISEE

È scontro sull’ISEE

Oggi alcune testate presentano le ipotesi di riforma dell’indicatore della situazione economica che sarebbero emerse nel corso di incontri fra parti sociali e Ministero del Lavoro. Gli articolisti anticipano la prospettiva di applicazione dell’ISEE anche sulle pensioni e indennità per gli invalidi civili. Di fronte a tali indiscrezioni, la FISH ribadisce la propria contrarietà e si dichiara pronta ad azioni civili ma rigorose per contrastare questi inquietanti scenari.

FISH incontra Guerra su ISEE

FISH incontra Guerra su ISEE

La Manovra Monti (L. 214/2011) prevede la revisione dei criteri di calcolo dell’indicatore della situazione economica e degli ambiti di applicazione di questo strumento: un intervento che interessa milioni di famiglie e condiziona il loro accesso a servizi e prestazioni sociali. La FISH è stata convocata oggi dal Sottosegretario al Lavoro e alle Politiche Sociali, Cecilia Guerra, per una prima consultazione sulla bozza di decreto sull’ISEE.

IMU e persone con disabilità

IMU e persone con disabilità

In questi giorni si va diffondendo la contrarietà rispetto all’introduzione anticipata dell’IMU. L’IMU investirà tutte le famiglie italiane, ma per alcune di esse il danno sarà ancora maggiore. Sono quelle in cui è presente una persona con disabilità. Oltre alle conseguenze della profonda crisi che attraversa il Paese, quelle persone subiscono direttamente anche gli effetti dei tagli alla spesa sociale e del quotidiano costo della disabilità. La FISH esprime tutta la sua contrarietà e chiede profondi interventi correttivi.