Archivio di 2011

Il tunnel della scuola: la Gelmini nasconde i dati

Il tunnel della scuola: la Gelmini nasconde i dati

Da oltre due anni il Ministero della Pubblica istruzione ha posto l’embargo su tutti i dati che riguardano i bambini e i ragazzi con disabilità presenti nelle scuole italiane: quanti sono, dove sono, quanti siano gli insegnanti di sostegno, come siano composte le classi, il numero di alunni per classe e il numero di disabili per classe. Da due anni regna il buio. Ora si attende una compiuta relazione da parte del Ministero in risposta ad una specifica interrogazione.

Sacconi smentisce l’INPS sui falsi invalidi

Sacconi smentisce l’INPS sui falsi invalidi

Per mesi una serrata propaganda, necessaria a distrarre dalle vere esigenze della spesa sociale, si è basata sull’affermazione che una pensione su quattro finisce ai falsi invalidi. A questa tesi si è adeguata persino la maggioranza dei deputati: il 21 luglio 4 mozioni su 5 approvate riprendevano pedissequamente le dichiarazioni di Mastrapasqua, presidente INPS, secondo il quale nel 2010 il 23% delle pensioni controllate sono state revocate. Ma ora arrivano, sottovoce, smentite ufficiali: il dato “uno su quattro” è clamorosamente falso.

Un disabile su tre perderà l’assistenza

Un disabile su tre perderà l’assistenza

Pesanti restrizioni agli enti locali, riforma taglia-assistenza in arrivo, fondi per il sociale vicini allo zero: le prospettive immediate e a breve termine sono inquietanti per le persone con disabilità. È nella consapevolezza della drammatica realtà che la FISH ha dichiarato, al termine di una intensa riunione, lo stato di mobilitazione. Manifestazioni e proteste eclatanti proseguiranno per tutta la discussione della legge delega, della legge di stabilità e della probabile terza manovra.

Le Manovre tagliano l’assistenza

Le Manovre tagliano l’assistenza

Il Parlamento approva definitivamente la seconda Manovra che, assieme alla prima, comporta nell’immediato un taglio di servizi e prestazioni sociali normalmente erogati dagli enti locali. Ma in arrivo c’è di peggio: la riforma assistenziale che deve consentire un risparmio di 40 miliardi in tre anni. Almeno un terzo dei disabili gravi perderà entro un anno ogni tipo di assistenza, in particolare l’indennità di accompagnamento e gli eventuali assegni di cura.

Tagli all’assistenza: azione dimostrativa della FISH

Tagli all’assistenza: azione dimostrativa della FISH

La FISH ha effettuato oggi una azione dimostrativa in Piazza del Popolo, a Roma, calando dal Pincio un enorme striscione per attirare l’attenzione sulle pesantissime conseguenze della Manovra ora in via di approvazione: con la prevista riforma assistenziale e fiscale, che punta a recuperare 40 miliardi di euro in tre anni, si assisterà ad una forte compressione della spesa sociale. Una prospettiva nefasta che interessa oltre 10 milioni di famiglie italiane.

Assistenza: la Commissione Bilancio conferma i tagli

Assistenza: la Commissione Bilancio conferma i tagli

Oltre 12.000 firme in tre giorni. Si alza sempre più forte un – per ora – inascoltato appello: l’assistenza non deve essere oggetto di compressioni di spesa. Eppure la Commissione Bilancio lascia inalterati i tagli (40 miliardi). Una manovra già bocciata dai mercati, rigettata dai Sindaci per i pesanti tagli ai trasferimenti agli enti locali, portatrice di fortissime tensioni nel mondo del lavoro, condannata persino dalla Chiesa per i molti aspetti di forte disequità, lontanissima dalle reali esigenze, istanze ed aspettative del nostro Paese.

Alitalia: un altro disabile rimane a terra

Alitalia: un altro disabile rimane a terra

Una persona con disabilità si presenta alla reception di Alitalia per essere imbarcato su un volo nazionale. Ha compilato la necessaria documentazione ma i responsabili della compagnia aerea la giudicano incompleta e rifiutano l’imbarco, in barba ad ogni ragionevolezza. All’esposto alla Polizia ed alla segnalazione all’ENAC seguirà una azione legale della FISH, a tutelare non il diritto di un singolo ma di tutte le persone con disabilità.

Manovra: gli emendamenti delle persone con disabilità

Manovra: gli emendamenti delle persone con disabilità

FISH e FAND fanno sentire ancora una volta la loro voce formalizzando pochi – ma determinati e chiari – emendamenti alla Manovra-bis all’esame del Parlamento. Le Federazioni chiedono un finanziamento specifico per il Fondo per le politiche sociali e la soppressione dei tagli aggiuntivi agli enti locali che sarebbero la causa della cancellazione di tanti servizi alle persone e alle famiglie. La riforma assistenziale la si faccia, ma certo non condizionata da vincoli di cassa.

Calderoli: prendere i soldi alle vedove e ai disabili

Calderoli: prendere i soldi alle vedove e ai disabili

Il Ministro Calderoli è uscito allo scoperto, rivelando i due nuovi bersagli per ”fare cassa”: le indennità di accompagnamento e le pensioni di reversibilità. Secondo Calderoli bisogna interessarsi alle “pensioni di chi non ha mai lavorato” e fissare un limite di reddito per chi percepisce l’indennità di accompagnamento. La FISH rifiuta entrambe queste sciagurate ipotesi chiamando a raccolta tutte le persone, le famiglie e le associazioni dell’impegno civile.

Manovra: trovare oggi le risorse per l’assistenza!

Manovra: trovare oggi le risorse per l’assistenza!

La FISH denuncia la disattenzione generale verso le politiche sociali. Non si rileva, in un momento di grave crisi, nessuna volontà di reperire e garantire fondi per i non autosufficienti, per le famiglie, per i nuclei a rischio di povertà, per l’inclusione sociale. Anzi, la volontà è di tagliare sulla spesa sociale. La FISH lancia un monito: le risorse per scongiurare la paventata riforma taglia-assistenza vanno trovate oggi, in seno alla Manovra-bis.